Nell’analisi e trattazione degli istituti, si esporrà brevemente una descrizione della materia anche con riferimenti a casi pratici, permettendo al Cliente di comprendere egli stesso l’ambito di rilevanza della fattispecie di Suo interesse, nonchè le diverse modalità di tutela dei propri diritti.
La scelta degli argomenti viene effettuata dando risalto alle fattispecie più comuni e diffuse (tutela dei consumatori, condominio, diritto di proprietà, assegni), anche alla luce dei più recenti orientamenti giurisprudenziali e prediligendo sempre – quando possibile – una soluzione extragiudiziale della controversia.

aree-attivita-header

 


Richiedimi senza alcun impegno ed in modo totalmente gratuito una consulenza riempiendo questo form

Contratti

Ci troviamo di fronte ad un contratto ogni qual volta due o più soggetti si accordino tra loro riguardo un bene, intendendosi per “bene” un’entità suscettibile di avere valore economico. È, pertanto, evidente come nella realtà di tutti i giorni le persone di fatto stipulino tra loro le tipologie più svariate di rapporti contrattuali: ad esempio, i più comuni gesti della vita quotidiana integrano in realtà fattispecie di tipo contrattuale; di norma si tratta di accordi conclusi oralmente: si pensi ad un qualsiasi acquisto effettuato in negozio, al prestito di un libro o dell’auto oppure all’utilizzo dei mezzi pubblici.

Inoltre, con l’avvento di nuove tecnologie e professioni è presente nel nostro ordinamento tutta una serie di contratti atipici (non previsti dalla legge) utilizzati soprattutto negli scambi commerciali e nei servizi (ad es. leasing, franchising, contratti telefonici, e-commerce), disciplinati dalla normativa civilistica quando applicabile.

Tutela dei Consumatori

Per consumatore si intende la persona fisica che agisce per scopi estranei ad una attività imprenditoriale o professionale, nonché la persona fisica alla quale sono dirette le informazioni commerciali. Con l’emanazione del cd. “Codice del Consumo” (Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206) si è cercato di armonizzare e riordinare le normative concernenti i processi di acquisto e consumo al fine di assicurare un elevato livello di tutela dei consumatori e degli utenti dei vari servizi.

Dunque, non a tutti gli acquisti di beni e/o servizi sono dirette le disposizioni del Codice del Consumo, ma soltanto a quei specifici soggetti che agiscono nella loro quotidianità, per le loro esigenze personali e non di natura professionale. 

Tali soggetti-consumatori, infatti, molto spesso sono in condizione di debolezza, di inferiorità rispetto a chi per lavoro commercializza i beni che essi vanno ad acquistare. È proprio tale condizione di disparità contrattuale che ha indotto il Legislatore a dare al consumatore significativi mezzi di tutela.

Risarcimento Danni

Il principio generale della responsabilità civile si basa sulle norme e disposizioni del codice civile, in particolare:

– articoli 1218 e 1223 del codice civile (la responsabilità contrattuale)

– articoli 1337 e 1338 del codice civile (la responsabilità precontrattuale)

– articoli dal 2043 (la responsabilità extracontrattuale o aquiliana o da fatto illecito) al 2059 del codice civile (diffuse ipotesi di responsabilità civile e relativi danni).

Responsabilità civile significa, quindi, che per legge bisogna risarcire i danni cagionati a terzi, che possono essere causati ad esempio per negligenza, imprudenza o imperizia.

Matrimonio

La vita di coppia non è semplice e presenta una moltitudine di aspetti (patrimoniali ma non solo) che, se non valutati e gestiti ponderatamente e con le giuste competenze, portano a scelte irresponsabili e dannose con ripercussioni sulla vita propria e dei propri cari.

In questa raccolta di articoli e sentenze vengono analizzati aspetti giuridici e patrimoniali del matrimonio, come la scelta del regime dei beni; la famiglia di fatto e le unioni civili; la separazione e il divorzio breve (consensuale o giudiziale); l’affidamento dei figli e le vicende relative alla casa familiare; l’assegno di mantenimento e di divorzio; la violazione degli obblighi di assistenza economica e morale.

In caso di dubbi nell’ambito della relazione coniugale, non esitare a richiedere un consulto legale senza alcun impegno, compilando l’apposito FORM o contattando direttamente lo Studio ai recapiti indicati.

Sangue infetto

Il caso del “sangue infetto” è un caso di cronaca giudiziaria risalente alla messa in commercio, a partire dagli anni 1980, di emoderivati infetti da parte di aziende farmaceutiche internazionali. Secondo i dati dell’associazione italiana politrasfusi, tra il 1985 e il 2009, in Italia i decessi per infezione da emoderivati sono stati oltre 2.600. In Italia esiste una legge, la n. 210/92, che offre un indennizzo pecuniario a tutti coloro che hanno contratto il virus (e di cui si abbia conclamazione accertata) da trasfusioni di sangue e/o emoderivati infetti e/o vaccini.

Sono numerose le sentenze emesse da giudici di merito e dalla Corte di Cassazione che riconoscono – in aggiunta (totale o parziale) all’indennizzo previsto dalla legge n. 210/92 – un risarcimento dei danni ritenendo, quindi, colpevole il Ministero della Salute per carenza di vigilanza circa la produzione, commercializzazione e distribuzione del sangue e suoi derivati. E’ previsto quindi ottenere dallo Stato un primo indennizzo consistente in un vitalizio (previsto dall’apposita legge n. 210/1992) nonché un risarcimento integrale dei danni patrimoniali e non patrimoniali.

Per questo è importante che i cittadini danneggiati da trasfusioni (almeno per chi né è consapevole vista la lungolatenza delle patologie epatiche ed HIV con lunghissimi periodi asintomatici e di incubazione) sappiano che possono e devono essere risarciti.

La collaborazione con uno studio partner specializzato in materia operante in tutta Italia permette di affiancare al Cliente professionisti di alto profilo, che sapranno assisterlo in questi casi particolarmente delicati.

Telefono e Fax: (+39) 0874.483610
Skype: nicolamancini
Polizza AIG: IFL0006526.002485
Campobasso - 86100
Via Garibaldi 48
P. iva 01624770705