Insultare il pubblico ufficiale non è reato

Tribunale di Campobasso – sez. penale, sent. n. 17/2017

In occasione dello svolgimento di un atto d’ufficio da parte di un pubblico ufficiale, l’iinsulto rivolto a quest’ultimo non configura alcun reato. Difatti non può integrare il delitto di minaccia a pubblico ufficiale la reazione genericamente minatoria del privato, mera espressione di sentimenti ostili, non accompagnati dalla prospettazione di un danno ingiusto, tale da turbare il pubblico ufficiale nell’assolvimento dei suoi compiti istituzionali.

Nel caso di specie, il Tribunale ha così assolto un uomo che aveva apostrofato volgarmente il pubblico ufficiale procedente, non impedendo però a quest’ultimo di compiere l’atto dovuto.

Telefono e Fax: (+39) 0874.483610
Skype: nicolamancini
Polizza AIG: IFL0006526.002485
Campobasso - 86100
Via Garibaldi 48
P. iva 01624770705